Seleziona una pagina

La legge contro il bullismo e cyberbullismo

Le innovazioni della legge 71/2017

La Legge 71/2017 (G.U. 127 del 3.6.2017), relativa a Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo prevede due assi portanti di riferimento: maggiore controllo sul web e lavoro di prevenzione attraverso la scuola. Viene, per la prima volta a livello normativo, recepita la definizione legislativa sul cyberbullismo, identificato come qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione e furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica. Si prevede inoltre la richiesta, da parte del minore sopra i 14 anni vittima di cyberbullismo (anche senza che il genitore lo sappia), dell’oscuramento, rimozione o blocco dei contenuti diffusi in rete, al gestore del sito internet o social media. Entro 48 ore, se non si è provveduto, il minore (con il genitore) può rivolgersi al Garante della privacy, che provvede direttamente nelle successive 48 ore. È prevista la “procedura di ammonimento” da parte del Questore, che inviterà il minore con un genitore a non ripetere gli atti fino a quando non vi è querela o denuncia, così come accade per stalking, ingiuria, diffamazione, minaccia o trattamento illecito di dati personali in rete; l’ammonimento funge certamente anche come azione “educativa e di responsabilizzazione” (fonte http://www.scuola7.it. Consultazione del 30.01.2019)

Le linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo

Nel mese di ottobre 2017 sono state emanate dal Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione, Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione, le Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo. Le nuove Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo danno continuità alle Linee guida emanate nell’aprile del 2015, apportando le integrazioni e le modifiche necessarie in linea con i recenti interventi normativi, (Legge 71/2017 “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”) (fonte http://www.miur.gov.it. Consultazione del 30.01.2019)

 Il cyberbullismo è un reato

 

verificare c

La legge contro il cyberbullismo spiegata in 1 minuto

 

verificare c

 Non cadere nella rete

 

verificare c


Emergenza Cyberbullismo: le indicazioni di legge

 

verificare c


Legge sul cyberbullismo, ecco cosa cambierà nella tua scuola

 

verificare c


Maria Sabina Lembo

Bullismo e cyberbullismo dopo la L. 29 maggio 2017, n. 71

Maggioli,  Santarcangelo di Romanga, 2017

Alla luce della nuova disciplina introdotta dalla L. 29 maggio 2017, n. 71, l’opera è un’analisi del bullismo e del cyberbullismo, condotta in maniera pratica e operativa. Il volume vuole dare risposte chiare a domande del tipo: cosa bisogna intendere per bullismo? Quali condotte sono penalmente rilevanti e come si procede? Cosa prevede la nuova legge in materia di cyberbullismo e quali condotte configurano il reato? Come è possibile rimuovere i dati personali del minore diffusi in rete?.

M. Alovisio, G. B. Gallus,  F. P. Micozzi

Il cyberbullismo. Alla luce della legge 29 maggio 2017, n. 71

Giuridica Editrice, Roma,  2017

Il testo, partendo dalla definizione di cyberbullismo, esamina le novità della legge: dalla rimozione dei contenuti online al ruolo svolto dalle istituzioni scolastiche, al referente per la prevenzione del cyberbullismo previsto in ogni scuola, all’istituto dell’ammonimento. L’opera fornisce, pertanto, un quadro agile e completo, ed è rivolta agli operatori della scuola e ai professionisti che si occupano della materia.

CONTATTI

349 140 7737
WhatsApp | voce

AREA RISERVATA

© 2019 SOCIALforSOCIAL.IT®  è un marchio registrato STUDIOGMB | VAT IT01501860033